Cerca sito Google
Home News Delegazione di Lecce DELEGAZIONE DI LECCE: SEI MESI DI INTENSA ATTIVITA' ...

10/05/2020
DELEGAZIONE DI LECCE: SEI MESI DI INTENSA ATTIVITA' ...

Chiesa di San Matteo in Lecce - Celebrazione Eucaristica  (29.2.2020)
Comm. Mons. Giancarlo Polito, Priore della Delegazione di Lecce, e Don Tommaso Lerario
E' per un "bisogno", tutto personale, di sentirmi più vicina ai Fratelli ed alle Sorelle nell' Ordine che scrivo queste brevi note relative alle attività del semestre settembre 2019 - febbraio 2020 (pre-pandemia...).

Con riferimento agli "Annali di Luogotenenza" (A.D. 2018) si è svolta l' attività della Delegazione di Lecce, facendo tesoro degli spunti di meditazione e dei "temi" offerti per l' orientamento degli incontri mensili, per la formazione individuale e collettiva.
D' intesa con il Priore di Delegazione, Comm. Mons. Giancarlo Polito, il terzo giovedì del mese è stato dedicato all' Adorazione Eucaristica, che ha accompagnato le due grandi ricorrenze religiose di carattere istituzionale, l' Esaltazione della Santa Croce e la Festa in onore di N.S. Regina della Palestina.















Conferenza del Chiar.mo Prof. Mons. Luigi Manca, del Gr. Uff. Dott. Massimo Perrone, Preside della Sezione "Salento", e Dama di Commenda con placca Prof. Dott. Maria Gloria Zezza Rainò, Delegato per Lecce (27.10.2019)


"La Vergine Maria nella Chiesa e nella storia" è il titolo che ha voluto dare alla sua riflessione il Chiar.mo Prof. Mons. Luigi Manca, Vicario Generale della Diocesi di Lecce, Dottore in Teologia e Scienze Patristiche, Docente di Patrologia presso la Facoltà Teologica Pugliese e presso l' Istituto di Scienze Religiose a Lecce, di cui è Direttore. L' incontro è scaturito da un' esigenza di approfondimento dottrinario, quasi ideale riferimento ad una delle tantissime pubblicazioni, tra testi, saggi ed articoli, di Mons. Manca dedicati alla Madonna, fine conoscitore anche di Sant' Agostino: la nostra vita deve essere impostata sulla domanda, mai appagati di quanto abbiamo appreso, perchè la Fede va alimentata ed approfondita, non ci è concesso di "accontentarci", e l' ascolto è uno dei segreti per crescere nella spiritualità. Nella Lettera Pastorale "Ascolta popolo mio" di S.E. Rev.ma Mons. Michele Seccia, Arcivescovo Metropolita di Lecce e Priore della Sezione "Salento", vi sono anche preziose indicazioni sull' ascolto di carattere comunitario, particolarmente fruttuoso, e di qui l'importanza che ha avuto l' excursus sulle fonti che ci parlano di Maria e della sua dimensione ecclesiale, oltre che "umana".
Chiesa di San Matteo in Lecce

Concerto pro Terra Santa dell' Orchestra d' archi di Terrae Hydrunti (14.12.2019)


Si deve all' impegno del nostro Comm. Gianni Epicoco l' organizzazione dell' incontro con il Dott. Antonio Montinaro, che ha tracciato una "Sintesi della storia della musica sacra dal Rinascimento ai nostri giorni", arricchita dall' ascolto di brani d' Autore. Bach sosteneva che "lo scopo e la ragione finale di tutta la musica non è altro che Dio ... è Dio che fa la musica"... (ricordo che, ragazza, riuscivo a studiare con passione i canti dell' Iliade con il sottofondo delle Rapsodie Ungheresi di Lizst e traducevo i versi della tormentata vicenda della storia d'amore tra Enea e la regina di Cartagine Didone con le note struggenti di un notturno di Chopin); la musica - al di là dei gusti personali - attrae, unisce, supera le barriere spazio - temporali e questo spiega anche il successo del "Concerto pro Terra Santa", che ogni anno vede esibirsi maestri ed appassionati di musica ed accompagna con dolcezza il nostro forte impegno, con il plauso e la gratitudine di S.E. il Luogotenente, a favore del Patriarcato Latino di Gerusalemme. Il 14 dicembre nella chiesa di Santa Maria della Luce in San Matteo si è esibita l' Orchestra d' archi di Terrae Hydrunti, a pochi giorni dalla solenne Cerimonia di Investitura di Dame e Cavalieri (Cattedrale, 1 dicembre), seguita alla Veglia delle Armi e di Preghiera (23 novembre).
L' autunno mite del nostro Salento ha consentito la tradizionale "Riunione d' autunno" (6 ottobre) a Cutrofiano, alla scoperta delle rinomate produzioni ceramiche, e a Galatina per la visita guidata della chiesa di Santa Caterina d' Alessandria, Basilica Minore Pontificia, uno dei più insigni monumenti dell' arte romanica e gotica della Puglia.
La Delegazione ha partecipato in forma ufficiale alla Celebrazione Eucaristica (30 dicembre) in suffragio di S.E. Rev.ma Mons. Cosmo Francesco Ruppi, che fu Arcivescovo Metropolita di Lecce dal 1988 al 2009 e Priore della Sezione "Salento", le cui spoglie riposano all' interno della chiesa Cattedrale di Lecce.
Il nuovo anno si è aperto all' insegna della preghiera e delle opere per crescere nella Fede e per consolidare il senso di appartenenza all' Ordine, facendo proprie le tre formule semantiche - responsabilità, carità, spiritualità - che S.E. il Luogotenente ha indicato come prioritarie nella nostra missio. A tal proposito fondamentale è stata la meditazione di Mons. Flavio De Pascali, Parroco del Duomo, sul tema "Vivere il tempo", nella duplice dimensione di chronos (di natura quantitativa e quindi finito) e di kairòs (di carattere qualitativo, il tempo opportuno, propizio), che diventa "tempo di Dio", che ci carica, che ci dona quell' energia per vivere, com'è il tempo del Vangelo, il tempo vero in cui vivere, non sopravvivere, dove vivere è amare, e vivere vuol dire "vivere da vincitori", come ha sottolineato il Santo Padre (nella Celebrazione Eucaristica del 23 febbraio, a conclusione dell' incontro di riflessione e spiritualità "Mediterraneo, frontiera di pace" tenutosi a Bari), che ci ha invitato alla fiducia, anche se le nostre forze sono limitate, alla speranza, anche se non vediamo luce attorno a noi, quasi una sorta di "profezia"...
L' esperienza di informazione - formazione con la relazione di S.E. il Luogotenente a Bari (8 febbraio) presso la chiesa del Gesù sul tema "Pace, giustizia e solidarietà in Terra Santa: il ruolo dell' Ordine" ha "preparato" all' ultima riunione, il 29 febbraio, con la lectio su Matteo 11,28 "Io vi darò ristoro" di Don Tommaso Lerario, sacerdote della Diocesi di Altamura-Gravina e Acquaviva delle Fonti, Cappellano dell' Ospedale Generale Regionale "F. Miulli", che abbiamo avuto il privilegio di ascoltare in una splendida omelia durante una lontana "Riunione di fine estate", ideata a Santa Cesarea Terme da S.E. Cav. di Gran Croce Dott. Rocco Saltino Luogotenente d' Onore. Don Tommaso, a contatto con la sofferenza, la fragilità e le varie povertà del nostro territorio, ci ha presentato il messaggio di Papa Francesco per la XXVIII Giornata Mondiale del Malato, celebrata l' 11 febbraio, con riferimenti all' apostolato di Dame e Cavalieri dell' Ordine in Terra Santa a sostegno anche delle iniziative caritative a livello sanitario ed ospedaliero.
I mesi successivi sono stati il tempo dell' isolamento, dell' impedimento, del "digiuno", del dolore ... delle comunicazioni di mail con il messaggio prezioso per la Quaresima del Gran Maestro S. Em. Rev.ma il Signor Cardinale Fernando Filoni, delle raccomandazioni nelle lettere accorate rivolte da S.E. Rev.ma Mons. Michele Seccia, del sostegno di S.E. il Luogotenente che ci ha invitato "a misurare la nostra vita su quella di Cristo"... mesi di silenzio raccolto nella preghiera.


Autore: Prof. Dott. Maria Gloria Zezza Rainò, Dama di Commenda con placca, Delegato per Lecce dell' O.E.S.S.G.)