Cerca sito Google
Home News Delegazione di Adelfia Delegazione Adelfia: Casamassima - Via Crucis 2015, a cui è seguita la presentazione del presepe pasquale

07/04/2015
Delegazione Adelfia: Casamassima - Via Crucis 2015, a cui è seguita la presentazione del presepe pasquale

Photogallery Delegazione Acquaviva-Santeramo: Casamassima-Via Crucis 2015
Photogallery Delegazione Acquaviva-Santeramo: Casamassima-Via Crucis 2015


scene del presepe pasquale di Casamassima
foto di Vincenzo Ariemma e Vito Petronelli
scritto dalla redazione Il 6 marzo, a conclusione della 1^ edizione della Via Crucis, organizzata e animata dai Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro, ma che ha visto la partecipazione di numerose associazioni cattoliche e laiche del posto (Confraternita del Carmelo, Comitato S.Rocco, Istituto Cristo Re, l’Agesci 1 e 2, l’Aserc, la Pro Loco, Comunione è Vita-Caritas, Archeoclub, l’Oratorio P.G.Frassati, l’Associazione Carabinieri e l’Associazione Arma Aeronautica) ed i cui esponenti sono intervenuti nelle meditazioni, presso la Chiesa del Purgatorio è stato presentato il Presepe Pasquale di Casamassima.
Il diorama allestito da Francesco Laricchia, delegato dell’Ordine, per la particolarità delle dimensioni, ridotte rispetto a quelli spaziosi sinora allestiti, si presta benissimo ad essere realizzato e ospitato in ogni casa, a completamento e continuazione del “fratello maggiore”, il più noto presepe natalizio.
Le scene, rappresentate con apposite statue dall’altezza di circa 10 cm, per lo più ricordano la Via Crucis, ma non solo. In effetti sono presenti anche scene riferite alla narrazione evangelica della Passione del Cristo come l’ingresso a Gerusalemme, l’ultima cena, S.Pietro e il gallo e il bacio di Giuda. Inoltre sono presenti tracce (memoria) dei più significativi momenti della vita di Gesù: dall’Annunciazione (rappresentata da un angelo), alla nascita (la grotta con la coppia bue/asino), al ricordo della protezione del Bambino (le piramidi della fuga in Egitto), alla vita quotidiana (il banchetto del falegname) per finire al pozzo di “acqua viva” della samaritana. Un arcobaleno, segno della pace tra cielo e terra, collega idealmente la Resurrezione con la cappelletta dell’Annunciazione che di fatto rappresenta il seme della venuta di Gesù e, quindi, della salvezza dell’uomo.
La scenografia inusuale ed inaspettata, è stata accolta favorevolmente dai presenti e molto apprezzata anche da Mons.Antonio Talacci, priore della Delegazione di Adelfia del Santo Sepolcro, che aveva in precedenza guidato la Via Crucis presso la Chiesa Matrice con l’intervento del Parroco della stessa chiesa, don Carlo Lattarulo, e con la partecipazione anche di Parroco e Vice parroco di Santa Maria delle Grazie, don Giuseppe Saponaro e don Vito Didonna.
Il presepe pasquale, per volontà del Priore della Confraternita del Carmelo sig. Vito Sansolino, resterà a disposizione di quanti vorranno visitarlo, dalle ore 17 alle ore 19,30 tutti i giorni (con esclusione di quelli dedicati alle celebrazioni eucaristiche).